Post Statistiche Commenti Profitti Campagne Pagine Tema Impostazioni Elenco lettura Guida

Ambiente Uguaglianza Tempo

domenica 23 luglio 2017

Essere insieme



"Like the two pendulums, though through more complex processes, two people together can mutually phase-lock. Successful human relationship involves entrainment — getting in sync. If it doesn’t, the relationship is either uncomfortable or disastrous".

The wave in the mind.


La vita segue percorsi strani, tutti suoi.

Fino a prima di trasferirmi a Londra (quindi fino a 35 anni, l'eta' che avevo quando mi trasferii qui), ho viaggiato moltissimo, in tutti i continenti. Il piu' delle volte da solo, muovendomi con mezzi pubblici e con biciclette che affittavo all'arrivo.

Poi piu' nulla o quasi, per una decina di anni. Un caro amico che viveva nella mia zona, gran viaggiatore, mi prendeva in giro per questo. Ricordo che un giorno al Barbican mi chiese se non fossi gia' un po' troppo lontano da casa (abito in EC1 e il Barbican e' in EC2).

Poi un giorno arrivo' nella mia vita la Gio', e tutto cambio' ancora una volta.

Era il 2009. Quell'estate feci una breve vacanza solitaria a piedi sulle montagne della Svizzera. Al ritorno, alla stazione centrale di Milano, trovai la Gio' a aspettarmi.

Andammo a mangiare un gelato, ai giardini di Porta Venezia. Mi disse: "Questo e' l'ultimo viaggio che fai da solo, Fabio. Viaggiare da soli e' bello, ma ti assicuro che viaggiare in due e' proprio un'altra cosa".

Come spesso accade (questo l'ho scoperto frequentandola, allora non lo sapevo ancora), la Gio' aveva ragione.

Confesso che durante i miei viaggi solitari avevo osservato spesso coppie che mi sembravano affiatate. Alcune, che mi avevano particolarmente colpito, le ricordo ancora a distanza di molti anni, come per esempio una coppia bellissima che viaggiava su una vecchia station wagon e che mi capito' di incontrare varie volte per caso durante un viaggio in Tasmania.

Con i loro capelli lunghi e jeans stracciati mi sembrarono, allora, l'epitome della felicita'. Chissa' se sono ancora insieme, spero davvero per loro di si', e che siano felici. Che viaggino ancora dopo tutti questi anni sulla loro station wagon piena di vestiti stesi a asciugare.

Adesso quella coppia siamo la Gio' e io.

Chissa' se un Fabio solitario (e ne abbiamo incontrati abbastanza spesso) ci ha mai notati. Se si', gli auguro che gli capiti proprio quello che e' successo a me.

E che sincronizzarsi sia lieve, che accada naturalmente. Che i suoi viaggi continuino a essere lenti e frugali: su vecchie corriere di linea, a piedi, in bicicletta. Che i suoi pasti continuino a essere frutta e pomodori e panini preparati all'aperto, sotto alberi, su prati o su panchine ombreggiate.

Ma che invece di un libro o di un taccuino, a tenergli compagnia siano abbracci e risa, riflessioni condivise e tante carte geografiche spiegazzate dal vento sulle quali disegnare, insieme, percorsi di avvolgente bellezza.

(Con grande calma, un po' per volta, condividero' qui nei prossimi giorni alcune foto del nostro bel viaggio appena concluso su sentieri in Valle di Funes, Alta Badia e Misurina).

venerdì 21 luglio 2017

Brexit, un anno dopo



Sono passati quasi 13 mesi dal voto. In questi 13 mesi non e' stato fatto alcun progresso.

Contemporaneamente il successo economico del Regno Unito si e' squagliato come neve al sole e oggi l'economia britannica e' il fanalino di coda del G7. La City perde pezzi ogni giorno.

La sterlina non vale piu' nulla. Oggi e' a 1.11 euro. Un paio di anni fa viaggiava oltre 1.40.

Mi domando se si sia verificata in precedenza nella storia una situazione simile. Un Paese la cui economia va molto bene che decide di votare al 52% (quindi con una risicatissima maggioranza) un cambiamento di rotta radicale.

E che di fronte alle conseguenze catastrofiche di questo suicidio di massa non decide di fare una realistica marcia indietro quando e’ ancora possibile.

La Brexit e’ di fatto irrealizzabile, ora credo sia evidente a tutti. In 13 mesi non si e’ andati da nessuna parte. Il governo della confusa May e’ debolissimo e litigioso. L’opposizione cresce ogni giorno. 

Qualcuno ha scritto che e’ come se dopo aver fatto una torta si dicesse che il sapore non e’ buono e si chiedesse di riavere indietro, integre, le uova che sono state utilizzate per l’impasto.

Mi sembra indicativo il fatto che nessun Paese europeo ha deciso di seguire l'esempio britannico, che i candidati anti-europeisti abbiano perso ovunque e che i 27 oggi sono piu' coesi che mai. 

Svegliati dal delirio, Regno Unito!

domenica 16 luglio 2017

Prospettive Musicali del 16 luglio 2017

QUERCUS
Nightfall

AARON PARKS/ BEN STREET/ BILLY HART
Find the way

CHRIS POTTER
The dreamer is the dream

BILL FRISELL/ THOMAS MORGAN
Small town.


Ascolta la prima parte.

Ascolta la seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

domenica 2 luglio 2017

Prospettive Musicali del 2 luglio 2017


ALICE COLTRANE TURYIASANGITANANDA
World spirituality classics 1: the ecstatic music of Alice Coltrane Turiyasangitananda

BOB DYLAN
Triplicate

THIRD REEL
Many more days

AVISHAI COHEN
Cross my palm with silver

RALPH TOWNER
Solstice.


Ascolta la prima parte.

Ascolta la seconda parte.



Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

martedì 27 giugno 2017

Due concezioni del mondo antitetiche



Stiamo secondo me vivendo una lunga era di passaggio, una specie di lotta tra due concezioni del mondo antitetiche.

Una concezione decrepita, moribonda ma che sembra purtroppo alzare ancora la testa e l'ha fatto con particolare vigore negli ultimi 35 anni. E' il capitalismo, che si e' riciclato in questa farlocca new digital economy che di nuovo ha solo il nome dato che i rapporti di produzione basati sulla forza e lo sfruttamento intensivo del lavoro sono sempre gli stessi da centinaia di anni.

E poi c'e' una concezione nuova, per la quale il reddito non puo' essere piu' associato allo sfruttamento del lavoro, dato che le macchine di nuova generazione (AI, IoT, ecc.) rendono inutili e superate molte occupazioni. Con l'affermarsi delle macchine intelligenti e che sanno dialogare tra di loro infatti la disoccupazione e' per forza di cose destinata a crescere esponenzialmente nei prossimi anni.

Di conseguenza, non ha piu' senso legare i redditi al lavoro: perche' un lavoro per tutti non c'e' piu', ne serve molto meno. E' necessario quindi che lo stato ridistribuisca il lavoro riducendo l'orario e adottando una rotazione dei compiti che tenga tutti impegnati nella misura in cui serve per produrre prodotti e servizi per la comunita'.

In questo paradigma che inevitabilmente si affermera' nei prossimi anni, proprio come il lavoro anche il reddito sara' distribuito equamente all'interno della societa', che diventera' naturalmente una societa' di uguali, una societa' senza classi.

Credo che sia nostro compito facilitare il cambiamento, ma sono nel complesso fiducioso che tra qualche anno tutto sara' finalmente diverso dal mondo, pieno di sofferenza e disuguaglianze, ingiustizia e sfruttamento, nel quale viviamo oggi.

domenica 25 giugno 2017

Economia della felicita'



Ieri pomeriggio sono andato a vedere un documentario su John Berger (critico d'arte e filosofo marxista), all'ICA. A un certo punto del documentario, a Berger viene fatto un regalo dai suoi nipoti che lo vanno a visitare. Delle uova. Delle semplici uova di gallina, ma impacchettate con cura, in una bella scatola, con un bel nastro colorato.

Per reciprocare, Berger spiega ai suoi ospiti dove andare a raccogliere lamponi in un angolo del suo orto. Prendetene una grossa ciotola, poi li mangiamo, se volete con zucchero e panna.

A me, che sono di origine contadine, sono venuti in mente tanti ricordi. I miei nonni, persone semplici, quando andavano in visita da qualcuno non arrivavano mai a mani vuote.

Portavano uova delle loro galline, pomodori del loro orto, pesche del loro frutteto. E tornavano poi a casa con una borsa di frutta o di verdura donata loro dai loro amici e vicini.

Altro che le macrocazzate sul mondo digitale. Dobbiamo tornare alla cultura contadina dello scambio sincero, che fa bene al cuore di chi dona e di chi riceve.

venerdì 23 giugno 2017

Una vita semplice e senza pretese



"I regard class distinctions as unjustified and, in the last resort, based on force. I also believe that a simple and unassuming life is good for everybody, physically and mentally".

Da leggere.

E' pazzesco che consideriamo le classi sociali come inevitabili e la societa' senza classi un'utopia.

Una redistribuzione equa della ricchezza e una societa' senza classi farebbero bene a tutti, in primis a chi verrebbe finalmente liberato da tanto grasso inutile che ne intasa le arterie.

Di una politica equa di esproprio patrimoniale progressivo si avvantaggerebbero sia coloro che non hanno abbastanza che coloro che hanno troppo e vivono una vita innaturale.

Questi ultimi scoprirebbero che i beni materiali che ritengono fondamentali al proprio stile di vita ne soffocano e impediscono lo sviluppo.

I primi ad avvantaggiarsi di politiche redistributive non sarebbero i poveri, ma proprio i ricchi che finalmente scoprirebbero se stessi e il significato profondo della parola felicita'.

Essere perdenti e' la norma



"In short, a degree of financial fragility is the statistical norm; being a loser is the norm. We are far more likely to end up with a mediocre salary, with delicate health and vulnerability to ill-fortune than we are to end up robust, invulnerable winners".

Arte e lavoro



"[The capitalists'] business might be a little less profitable year by year and they might not feel they have enough left over to lavish on the arts. But it would be no loss, for instead of hanging reticently on a wall, those values so ably captured in art – values of friendship, love, wisdom and beauty – would be enacted day to day in the boardroom and the canteen, the distribution center and the factory – in other words, in the vastly more consequential realm of commerce itself".

domenica 21 maggio 2017

Prospettive Musicali del 21 maggio 2017


BILL EVANS TRIO
On a monday evening

MAX RICHTER
Three worlds: music from Woolf works

OLIVIER ALARY
Fiction/ non-fiction

CHICK COREA/ GARY BURTON
Crystal silence

PAOLO FRESU/ DANIELE DI BONAVENTURA
In maggiore

DAVID HOLLAND QUARTET
Conference of the birds.


Ascolta la prima parte.

Ascolta la seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

giovedì 18 maggio 2017

Domenica a Prospettive Musicali

Sosteneva Miles Davis che "la vera musica è il silenzio. Tutte le note non fanno che incorniciare il silenzio".

Mi sono tornate in mente le sue parole riascoltando Crystal silence, collaborazione tra il pianista Chick Corea e il vibrafonista Gary Burton, pubblicato nel 1973.

I loro sono suoni sospesi, che galleggiano gentilmente nell'aria, di quelli che a Prospettive Musicale ci piace tanto suonare nel corso della seconda e piu' notturna parte delle nostre selezioni musicali.

Ci sentiamo in diretta domenica alle 22.



Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

domenica 14 maggio 2017

Prospettive Musicali del 14 maggio 2017


VELVET UNDERGROUND & NICO
The Velvet Underground & Nico

FEELIES
In between

SIX ORGANS OF ADMITTANCE
Burning the threshold

A WINGED VICTORY FOR THE SULLEN
Iris

RALPH TOWNER
My foolish heart

KEITH JARRETT
Expectations.


Ascolta la prima parte.

Ascolta la seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

giovedì 11 maggio 2017

Domenica a Prospettive Musicali


Proprio mentre sto cercando di colmare le lacune della sua vasta discografia, Ralph Towner ha pubblicato un nuovo volume di delicate composizioni eseguite in solitudine con una semplice chitarra classica o a 12 corde.

Sono suoni che accarezzano i nostri pensieri con dolcezza, senza mai imporsi.

Continuo a essere convinto che voi che ascoltate la radio la domenica sera siate un po' come me. E che anche voi desideriate un bel sottofondo che accompagni un po' di lettura e scrittura.

E allora preparate come sempre libro, matita, moleskine, penna: il mondo digitale con Prospettive Musicali resta fuori dalla porta.

Noi ascoltiamo dischi, leggiamo e scriviamo sulla carta, andiamo al cinema. L'angosciante sguardo vuoto sul telefonino lasciamolo ai fissati di frenetiche interruzioni, che hanno definitavamente perso se stessi.

Diamo continuita' ai nostri ascolti, alle nostre letture, ai nostri progetti, ai nostri amori, allle nostre vite.

Buon ascolto, con la vostra radio a un volume confortevole e una tisana a tenervi compagnia.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

domenica 16 aprile 2017

Buona Pasqua: riflettiamo sulle parole di Francesco



"La spogliazione è un mistero di amore! Essa non dice disprezzo per le realtà del mondo. E come potrebbe? Il mondo viene tutto dalle mani di Dio. Francesco stesso ci invita, nel Cantico di Frate Sole, a cantare e a custodire la bellezza di tutte le creature.

La spogliazione ci fa fruire di esse in modo sobrio e solidale, con una gerarchia di valori che mette l'amore al primo posto. Ci si deve spogliare, in sostanza, più che di cose, di sé stessi, mettendo da parte l'egoismo che ci fa arroccare nei nostri interessi e nei nostri beni, impedendoci di scoprire la bellezza dell'altro e la gioia di aprirgli il cuore".

Grazie a Francesco per le sue parole che ci fanno sempre riflettere. A tutti voi sinceri auguri di una Pasqua di pace e di rinnovamento.

domenica 9 aprile 2017

Prospettive Musicali del 9 aprile 2017

Questa notte abbiamo ascoltato musiche tratte da:

JEFFERSON AIRPLANE
Surrealistic pillow

THEO BLECKMANN
Elegy

JULIA HULSMANN QUARTET W/ THEO BLECKMANN
A clear midnight

JULIA HULSMANN TRIO
Sooner and later

VV. AA.
ECM story

JAKOB BRO
Gefion.

Ascolta la prima parte.

Ascolta la seconda parte. 


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

giovedì 6 aprile 2017

Domenica a Prospettive Musicali

L'ultima volta che sono passato in redazione, nella casella postale che condivido con Gigi Longo ho trovato un apprezzatissimo regalo di Alessandro Achilli, un CD promozionale uscito nel 1994 allegato a un vecchio numero della rivista Musica Jazz.

In questa storia dell'ECM sono incluse tracce davvero superlative dei nomi storici dell'etichetta di Manfred Eicher. Tra i miei preferiti: Jan Garbarek, Gary Burton, Keith Jarrett, l'Art Ensemble of Chicago, gli Special Edition di Jack Dejohnette, Dave Holland, il quartetto acustico di Louis Sclavis e Dominique Pifarely.

Serviranno alcune puntate per esplorare questo bel CD come merita. Inizieremo proprio questa domenica.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

domenica 2 aprile 2017

Prospettive Musicali del 2 aprile 2016

Questa notte abbiamo ascoltato estratti da:

DAVID BOWIE
Low

TOM RUSH
The circle game

JOHN ABERCROMBIE QUARTET
Up and coming

JAKOB BRO
Streams

IRO HAARLA
Ante lucem.

Ascolta la prima parte.

Ascolta la seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

giovedì 30 marzo 2017

Domenica a Prospettive Musicali


Domenica a Prospettive Musicali ascolteremo due chitarristi jazz appartenenti a diverse generazioni, il decano John Abercrombie e il piu' giovane Jakob Bro, entrambi accompagnati alla batteria dal sempre eccellente Joey Baron.

Sara' un viaggio coinvolgente quanto meditativo e silenzioso. Voi procuratevi un buon libro e preparatevi una buona tisana, alla musica penso io.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

domenica 12 marzo 2017

Passione



Un appassionato di musica non puo' che detestare il mondo digitale con tutto il cuore.

La disponibilita' di tutto subito e' del tutto incompatibile con quello che i greci chiamavano kairos: l'evento lungamente atteso, l'epifania, l'illuminazione.

Avere tutto subito genera un senso di confusione e di inevitabile inappetenza che e' l'antitesi della passione. Passione che invece nasce dalla scarsita', dall'attesa, dalla ricerca e dalla scelta ben ponderata di come allocare risorse per loro natura finite.

Chi e' davvero appassionato di musica, ama acquistare uno o al massimo due dischi per volta, ascoltarli con concentrazione dall'inizio alla fine con un bell'impianto hi-fi e poi riascoltarli dall'inizio per coglierne i dettagli che erano sfuggiti, leggendo le liriche, le note, i collaboratori, guardando le fotografie che accompagnano l'opera.

Chi ama la musica ne ascolta poca, selezionando ogni nuovo acquisto con cura e senza fretta dopo aver letto interviste e recensioni e avere ascoltato programmi radiofonici di qualita' (io consiglio Battiti, la Radio Uabab, Late Junction e naturalmente Prospettive Musicali). Non si lascia trascinare nella bulimia dell'acquisto compulsivo e d'impulso e dell'ascolto in condizioni meno che ottimali.

Chi ama la musica possiede una raccolta di dischi piuttosto contenuta che lo rispecchia e racconta la sua storia, la sua evoluzione come essere umano, il suo percorso.

Alla musica riconosce la capacita' di donarci emozioni, profondita', ispirazione. Di conseguenza non la svilisce, non ne abusa, la rispetta, instaura con la musica - quella che ha davvero senso ascoltare e solo quella - un dialogo profondo.

domenica 26 febbraio 2017

Prospettive Musicali del 26 febbraio 2017

Le musiche di questa notte le ho tratte da:

RILEY WALKER
Golden sings that have been sung

BENEDIKT JAHNEL TRIO
The invariant

COLIN VALLON TRIO
Danse

KEITH JARRETT
A multitude of angels Modena Ferrara Torino Genova solo concerts.


Ascolta la radioregistrazione della prima parte.

Ascolta la radioregistrazione della seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

mercoledì 22 febbraio 2017

Domenica a Prospettive Musicali

Contrariamente a quanto annunciato in coda dell'ultima puntata, domenica 26 febbraio Prospettive Musicali andra' in onda alla solita ora.

Ascolteremo insieme il trio del pianista svizzero Colin Vallon con il suo nuovo lavoro che dimostra quanto abbia ancora da dire la formazione jazz classica piano/ contrabbasso/ batteria.

Se i Necks entrassero in studio con Manfred Eicher, credo che il risultato sarebbe piuttosto simile.

Quella del Colin Vallon Trio e' la danza armonica degli alberi che si riflettono in un lago, mentre noi, in silenzio e contemplazione, lasciamo scorrere pensieri e ricordi.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.


Etichette:

domenica 19 febbraio 2017

Prospettive Musicali del 19 febbraio 2017


Questa notte abbiamo ascoltato musiche tratte da:

DOORS
The Doors

RADIOHEAD
A Moon shaped pool

VV. AA.
The microcosm: visionary music of continental Europe, 1970 - 1986

ANDREW CYRILLE QUARTET
The declaration of musical independence

KEITH JARRETT
A multitude of angels Modena Ferrara Torino Genova solo concerts.


Radioregistrazione della prima parte.

Radioregistrazione della seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

mercoledì 15 febbraio 2017

Domenica a Prospettive Musicali


Che cos'e' Prospettive Musicali se non una dichiarazione di indipendenza musicale che si rinnova ogni settimana?

Ad accompagnarci nel nostro percorso notturno attraverso musiche che rifuggono ogni classificazione sara' questa domenica il batterista newyorkese Andrew Cyrille, che ha attraversato la seconda meta' del Novecento esplorando le possibilita' espressive delle percussioni e accompagnando nomi molti amati da noi di Prospettive Musicali, come Cecil Taylor, Charlie Haden, Carla Bley, Marilyn Crispell, Marion Brown.

Il suo attuale quartetto comprende la chitarra di Bill Frisell, che ritroviamo in versione decisamente piu' free rispetto alle sue ultime prove come solista/ band leader, Richard Teitelbaum, componente fondatore di Musica Elettronica Viva, alle tastiere, e il contrabbasso di Ben Street.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus. Le radioregistrazioni del programma le trovate alla nostra pagina nel sito di Radio Popolare e in Itunes.

Etichette:

lunedì 13 febbraio 2017

Il coraggio piu' grande e' svegliarsi di buon umore



Allora, dovete sapere che a Radio Popolare in redazione esiste una specie di sirena che inizia a strillare quando o non sta andando in onda nulla (e capita in genere le prime volte che vai in onda perche', con tutte le cose che ti devi ricordare, ti dimentichi piuttosto facilmente di prendere la linea. E quindi tu sei li' che credi di trasmettere e invece non va in onda niente), o quando il volume scende sotto un certo livello.

Ora, se ascoltate le mie selezioni a Prospettive Musicali, sapete che almeno una mezz'ora di dischi ECM nell'ultima ora di trasmissione li trasmetto sempre. E tutte le domeniche succede la stessa cosa: la sirena inizia a strillare.

Le prime volte entravano in studio trafelati o Giancarlo Nostrini, che tutte le domeniche dopo La sacca del diavolo traffica su Facebook per un paio d'ore, o Vito War, che in genere arriva in radio un'ora prima dell'inizio di Reggae Radio Station, o entrambi. E mi trovavano li' serafico che mi ascoltavo in cuffia le note in silenziosa dissolvenza di Misha Alperin o di Jan Garbarek. Ora ovviamente non ci fanno piu' caso e sopportano con pazienza la sirena.

Da qualche settimana pero', senza dire nulla, i tecnici hanno fatto quella che immagino dovrebbe essere secondo loro una miglioria. E cioe' dopo un po' che suona la sirena, parte in automatico un MP3 scelto a caso dal computer.

Cosi' durante la prima puntata dell'anno, mentre mi stavo beando con una delle silenziosissime Miniatures di Glauco Venier, ecco che e' partito un pezzo imprevisto. Io, immaginatevi, sono trasalito e appena ho capito come fare l'ho sfumato (come potete sentire nella radioregistrazione). E abbiamo ripreso l'ascolto di Venier.

Riascoltando la radioregistrazione mi sono reso conto dalla voce piuttosto inconfondibile di Militant A che si doveva trattare di un pezzo degli Assalti Frontali. Inserendo nella finestrella di Google la prima parte del testo, ho scoperto che e' un brano intitolato Io sono con te.

L'ho ascoltato da allora non so quante volte. Militant A l'ha dedicato a suo figlio, ed ha un testo formidabile, ma davvero. Il coraggio piu' grande e' svegliarsi di buon umore, fare un sorriso, dirti buongiorno, prepararti la colazione. Bellissimo. Non sono un papa' ma se fossi un papa' penso che mi piacerebbe tantissimo tutte le mattine svegliare mio figlio con un sorriso e gli farei trovare sul tavolo della cucina una bella colazione. Non so dove lo prenderei quel sorriso, ma sono sicuro che per lui o lei un sorriso lo troverei sempre. Sempre proprio, non importa cosa.

Ieri mattina mentre controllavo i conti della banca, che mi avessero accreditato lo stipendio, addebitato le spese di condominio correttamente, ecc., sentivo su RAI Radio 3 uno dei miei programmi preferiti, La lingua batte. E' un programma, per chi non lo conoscesse, sulla lingua italiana. Per me che parlo, scrivo, leggo tutto il giorno in una lingua che non e' la nostra, la lingua italiana e' una coperta caldissima nella quale mi avvolgo ogni volta che posso. Un tornare nel ventre materno per un po'.

E a un certo punto e' saltato fuori proprio Militant A, intervistato sui suoi testi. Militant A, ho scoperto da quella intervista (che dovreste ascoltare), e' una persona bellissima, ma sul serio. Fa tanto lavoro per la scuola di suo figlio e per i suoi compagni, molti dei quali immigrati. Ha scritto pure un pezzo rap sulla Costituzione.

E insomma, volevo dire che sono contento che sia partita quella traccia dal computer della radio perche' cosi' l'ho conosciuta. E che la prossima volta, Militant A, prometto che non la sfumo, la faccio ascoltare fino alla fine e dico a tutti che sei proprio una bella persona.

domenica 15 gennaio 2017

Prospettive Musicali del 15 gennaio 2017



EAGLES
Hotel California

HOPE SANDOVAL & THE WARM INVENTIONS
Until the hunter

TERJE RYPDAL
Waves

WOLFGANG MUTHSPIEL
Rising grace

KENNY WHEELER
Deer wan

EGBERTO GISMONTI
Danca das cabecas.

Radioregistrazione della prima parte.

Radioregistrazione della seconda parte.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus.

Etichette:

giovedì 12 gennaio 2017

Domenica 15 gennaio a Prospettive Musicali


Domenica Prospettive Musicali vi portera' in Brasile, per riscoprire una collaborazione risalente alla seconda meta' degli anni '70 tra il chitarrista e il percussionista brasiliani Egberto Gismonti e Nana Vasconcelos.

Il loro impeccabile Danca das cabecas prende le mosse dai suoni della foresta pluviale, sopra i quali Gismonti e Vasconcelos ricamano una fitta trama di ritmi e melodie che traggono origine dal folklore della loro terra.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus.

Etichette:

domenica 8 gennaio 2017

Prospettive Musicali dell'8 gennaio 2017



Questa notte abbiamo ascoltato alcuni dei dischi che ho preferito nel 2016:

WILLIAM TYLER
Modern country

RADIOHEAD
A Moon shaped pool

DAVID BOWIE
Black star

NICK CAVE & THE BAD SEEDS
Skeleton tree

WOLFGANG MUTHSPIEL
Rising grace

TIGRAN HAMASYAN/ ARVE HENRIKSEN/ EIVIND AARSET/ JAN BANG
Atmospheres

MARKUS STOCKHAUSEN/ FLORIAN WEBER
Alba

GLAUCO VENIER
Miniatures

JAMES YORKSTON/ JON THORNE/ SUHAIL YUSUF KHAN
Everything sacred.


Radioregistrazione della prima parte.

Radioregistrazione della seconda parte.

Per una resa audio migliore consiglio di effettuare il download delle radioregistrazioni sui vostri dispositivi elettronici domestici o da passeggio, anziche' di accontentarvi dello streaming.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus.


Etichette:

venerdì 6 gennaio 2017

Domenica 8 gennaio a Prospettive Musicali



Prima puntata dell'anno per me, e come da tradizione ripercorreremo i dodici mesi appena trascorsi per riascoltare le musiche che hanno lasciato un segno nelle nostre vite.

Musiche che ci hanno emozionato o che semplicemente per avere accompagnato momenti importanti si sono legate a ricordi.


Prospettive Musicali va in onda tutte le domeniche alle 22 a Radio Popolare Milano, Radio Wave International, Radio Popolare Salento e sul webSeguiteci anche alla pagina Prospmus.

Etichette:

giovedì 5 gennaio 2017

Le mostre del 2016



La monumentale retrospettiva della Royal Academy sull'espressionismo astratto, i ritratti di Leibovitz, Avedon e Warhol, i fiori di O'Keeffe, la collezione fotografica modernista di sir Elton John. Le mostre dell'anno qui a Londra sono state:

ABSTRACT EXPRESSIONISM
Royal Academy

ANNIE LEIBOVITZ
Wapping Power Station

GEORGIA O'KEEFFE
Tate Modern

THE RADICAL EYE
Tate Modern

RICHARD AVEDON/ ANDY WARHOL
Gagosian.

Puntate precedenti:
2015.

Etichette:

domenica 1 gennaio 2017

I film del 2016



Cave e Almodovar alle prese con il dolore della perdita, il sempre attuale cinema di denuncia di Loach, le riflessioni amare su un ordinario dilemma etico di Sachs e il tour de force tutto in una notte di Schipper. I film che ho preferito quest'anno sono stati:

ANDREW DOMINIK
One more time with feeling

KEN LOACH

I, Daniel Blake

IRA SACHS
Little men

PEDRO ALMODOVAR
Julieta

SEBASTIAN SCHIPPER
Victoria.


Puntate precedenti:
2015
2014
2013.


Etichette:

venerdì 30 dicembre 2016

I dischi del 2016: # 1


GLAUCO VENIER
Miniatures.

"La natura suona da sempre. Io l'ho ascoltata e la restituisco cosi', come la sento nel cuore. Ti da' dei ritmi, un'energia spirituale. Ti offre un'armonia che e' gia' perfetta di per se'. E domanda solo di parlarti".

Ascoltare le quindici miniature composte dal pianista udinese Glauco Venier e' sentire il respiro perfetto della natura. Un'esperienza profonda e molto coinvolgente.

E' musica, la sua, che suggerisce ricordi e visioni sinestetiche di ogni volta che la natura ci ha permesso di immergerci nel suo abbraccio.

Musica che lascia molto spazio al silenzio e quindi alle nostre riflessioni, al nostro guardare dentro di noi, al nostro rinnovarci e affrontare con rinnovate energia e speranza il futuro, in armonia con l'universo.

Che e' anche, alla fine di questa lista, l'augurio a tutti voi che ogni tanto passate a trovarmi qui a London Calling.

Come sono solito concludere Prospettive Musicali: grazie per il vostro paziente ascolto. Buon 2017.

Riepilogando.

Puntate precedenti:
2015
2014
2013
2009

Etichette:

giovedì 29 dicembre 2016

I dischi del 2016: # 2


NICK CAVE & THE BAD SEEDS
Skeleton tree.

In tutte le forme di espressione, e' prerogativa dei grandi artisti riuscire a renderci sopportabile il dolore della perdita, interpretandolo in chiave poetica.

L'effetto e' quello di una catarsi: il nostro dolore si riflette nell'opera d'arte e torna a noi in una dimensione elegiaca, come se ne cogliessimo per la prima volta la dimensione epica eppure cosi' straordinariamente umana.

Skeleton tree si compone di musiche spesso avvolte attorno a variazioni di un loop, prive di una struttura riconoscibile. Simili a preghiere o comunque a dialoghi con chi non c'e' piu' o che possiamo solo immaginare. Presenze vicine e lontanissime.

E' un disco che avrebbe solo potuto avere una copertina tutta nera. Eppure come accade in certe sequenze di One more time with feeling, il documentario sulle sue sessioni di registrazione, ascoltandolo restiamo abbagliati da un fascio di luce bianchissima.

Il fascino di Skeleton tree e' proprio in quel contrasto estremo che non ammette mediazioni, come quelle situazioni della vita nelle quali il dolore si trasforma e diventa dialogo profondissimo e senza compromessi con la dimensione piu' pura di noi stessi.

Etichette: